FB_IMG_1612618364239
In un mondo di fotografia “liquida”, vista di sfuggita all’interno dei molti post che si susseguono sui social, il valore reale di un’immagine è data dalla sua capacità di fermare l’attenzione e suscitare interesse.
Per questo, negli anni, ho voluto studiare il miglior approccio ai vari campi in cui la fotografia ha un ruolo importante.
Sono specializzato in fotografia commerciale, ritratto e reportage. Quest’ultimo mi ha insegnato a raccogliere il maggior numero di informazioni riguardo i luoghi che frequento, le persone e le culture con cui entro in contatto. Queste informazioni si riversano poi nelle fotografie che realizzo, dove cerco di far entrare in modo spontaneo i dettagli e le particolarità che le caratterizzano.
Ho trovato il Leica una fida compagna di avventura che mi ha permesso di alleggerire al limite l’aspetto tecnologico, insegnandomi (se così si può dire) a ragionare sempre più prima di premere il pulsante di scatto.
Grazie a un sistema compatto ma allo stesso tempo resistente e di qualità, mi approccio alla fotografia con la filosofia del “less is more”, focalizzando l’attenzione su ciò che mi circonda piuttosto che sulla fotocamera. Due lenti e due corpi macchina, ma a volte anche solo uno, analogici o digitali, mi seguono sempre, in ogni momento della mia giornata, pronti a cogliere ciò che attira la mia attenzione.

Le immagini che realizzo sono quasi tutte in bianconero, salva la reale necessità di avere a disposizione il colore. Per come mi pongo nella fotografia, il bianconero mi permette di non farmi distrarre dal colore, che molte volte rende il contenuto secondario rispetto all’estetica.

Per questi motivi ho voluto studiare un flusso di lavoro che mi portasse ad avere il pieno controllo del risultato finale, che in campo professionale si conclude con la stampa, e che cerco di spiegare nel dettaglio nei corsi che realizzo, partendo dal momento in cui si “scatta” fino ad arrivare al controllo della stampa.

In questo sito potrete trovare alcuni lavori e progetti personali. Spero vi piacciano.

 

 

As you can see in the many posts that flow continuously one after another on social media, this is a world of “liquid” photography, while the real value of an image is given by its ability to capture your attention and arouse your interest.
It is for this reason that over the years I always wanted to achieve the best possible approach to the various fields where photography plays an important role.
I specialize in commercial, portrait and reportage photography. Especially this last one taught me to collect as much information as possible about the different places,  people and cultures I come into contact. So that this information can flow into the photographs I take and in which I always try to spontaneously bring in the details and peculiarities that characterize them.
My Leica is a faithful adventure companion that allowed me to lighten the technological aspect, and, instead, to better focus on the human value, leading me to think more and more before pressing the shutter button.
Thanks to its compact but at the same time resistant and quality system, I approach photography with the philosophy of “less is more”, focusing my attention on what surrounds me rather than on the camera itself.
At every single moment of the day, I’m always ready to catch what attracts my attention. For this reason I always have two lenses and one or two camera bodies, analogue or digital with me.
The majority of the  images I take are in black and white, except sometimes when there is a real need to have color available. Black and white allows me not to be distracted by the color, which often makes the content secondary to aesthetics.
For these reasons I studied a workflow that would lead me to have full control of the final result. In the professional field this ends with the printing.  In the courses I create I always try to explain all this in detail, starting from the moment of “clicks” up to the print control.

More and more my works are performed in a “hybrid” way combining digital and analog.
Using only black and white my way of working is not affected by the difference between the one and the other system, given  the post production of digital I deliberately searched and designed it to be as analog as possible in its yield.

On this site you can find some personal works and projects. I hope you’ll enjoy them.